Il leone Willy Fog è un distinto e flemmatico gentiluomo londinese, che scommette con alcuni soci del Reform Club (ove si ritrovano a giocare al biliardo) di riuscire a compiere, rispettando un ferreo itinerario, il giro del mondo in ottanta giorni. Sulla riuscita dell'impresa scommette la somma di ventimila sterline contro gli altri soci, eccetto l'anziano e mansueto caprone Lord Guinness, costretto sulla sedia a rotelle ed unico a riporre fiducia in lui. Il lupo Sullivan, anch'egli socio del club e governatore della Banca d'Inghilterra, gli aizza contro con proposito di sabotaggio lo scagnozzo Transfer, una volpe grigia senza scrupoli specialista di travestimenti. Willy Fog, che intraprende il viaggio col maggiordomo francese, il gatto Rigodon, e l'amico di questi, il ghiro Tico, è dunque pedinato da Transfer e da due poliziotti di Scotland Yard, il bracco Dix e il bulldog Bully, che sospettano di lui per la rapina di cinquantacinquemila sterline dalla Banca d'Inghilterra del giorno precedente.